Rendimento del 14% in sette mesi con le meraviglie tech di Wall Street

Rendimento del 14% in sette mesi con le meraviglie tech di Wall Street

Con il Nasdaq da giorni sui massimi della storia, l’investitore che vuole puntare con prudenza su tre grandissimi nomi dell’industria tech degli Stati Uniti trova uno strumento valido nel certificate emesso da Exane chiamato “Crescendo Rendimento Memoria Double Maxi Coupon” con codice Isin FREXA0005852 [FREXA0005852.TX].

Fino alla fine del 2017 il sottostante è l’indice principale di Wall Street, l’ S&P500. A partire dal 2018 il sottostante sarà  formato da una tripletta di azioni, ovvero  Amazon, Facebook e Snap (la società di Snapchat).

Il derivato, emesso da Exane il 28 aprile 2017 a 1.000 euro, paga due maxi coupon da 70 euro (7% del nominale), se alle due date di rilevazione di luglio e dicembre di quest’anno l’indice S&P500 non sarà sotto quota 1.176,43 punti,  cioè non avrà perso il 50% rispetto ai valori  attuali (ieri sera ha chiuso a 2.388 punti).

Inoltre, grazie Wall.Street.Supermonitor.jpgall’Effetto Memoria,  se le condizioni fossero rispettate solo a dicembre, c’è la possibilità di recuperare a fine anno il coupon eventualmente perso a luglio.

Sono pochi in questo momento gli strategist che si aspettano da qui a fine anno ulteriori ampi rialzi di Wall Street. Tuttavia, non ce ne sono di così pessimisti da prevedere una simile violenta correzione.  L’indice S&P500 guadagna il 9,5% da inizio anno e negli ultimi cinque anni ha raddoppiato. Le nuove politiche fiscali di  Donald Trump, per ora solo annunciate, hanno sostenuto il rally degli ultimi sei mesi. Da qui a fine anno si vedrà se la Casa Bianca sarà in grado di realizzare le riforme, se così non avvenisse, ci potrebbe essere un ritracciamento.  Con questo certificate si può quindi guadagnare anche in caso di assestamento, o di ribasso contenuto di WallStreet.

Dal 2018 in poi..

Passato il 2017, il certificate FREXA0005852 cambia il sottostante e la struttura retributiva: le cedole condizionate diventano mensili con importo pari a 5 euro (0,5% del nominale).

Cedole ed effetto memoria

Ogni mese, a partire da gennaio 2018, il certificate paga il coupon se il prezzo dei tre i titoli di riferimento (Facebook, Amazon e Snap) è sopra o pari alle rispettive barriere, posta al 60% del livello iniziale.
L’effetto memoria può venire in soccorso, permettendo di recuperare eventuali cedole perse. Se ad una data di osservazione ci si trova nella condizione prevista per il pagamento, si incassa  tutto quanto era stato perso in precedenza.Rimborso anticipato
Nel corso di questa seconda parte della vita del certificate, a partire da marzo 2018, potrebbe arrivare anche il rimborso anticipato, evento che si presenta quando alla data di osservazione tutti e tre i sottostanti si trovano sopra il livello iniziale. In questo caso si viene rimborsati con 1.000 euro. La prima data utile per il ritiro è il 7 marzo 2018.Scenario alla scadenza Fra tre anni, se non si è verificato il rimborso anticipato (aprile 2020), l’investitore incasserà il 100% del nominale (1.000 euro), se tutti e tre i sottostanti sono sopra o pari alla barriera.

Vediamo dove si trovano oggi i tre sottostanti e a che distanza sono dalla barriera.
– Amazon: valore iniziale 900,99 dollari, barriera 540,94 dollari,  distanza -42,7%.
– Facebook: valore iniziale 142,184 dollari, barriera 85,31 dollari, distanza -44,1%.
– Snap: valore iniziale 20,71 dollari, barriera 12,426 dollari, distanza -43%.La data di osservazione alla scadenza è il 7 aprile del 2020, il rimborso sarà il 23 aprile.Il certificate potrebbe pagare fino a 280 euro di cedole. Ai prezzi di oggi, (1.020 euro), si ottiene un ritorno cumulato del 27%.

Se alla scadenza queste condizioni non sono rispettate, il capitale non è più protetto e l’investitore verrà rimborsato con una somma pari a 1.000 euro, meno una percentuale pari alla distanza percentuale fra la quotazione del sottostante con la performance peggiore e il suo Valore iniziale.

Per esempio, se Facebook fosse il sottostante con la performance peggiore e dovesse trovarsi alla data di rilevazione finale a  80 dollari (-43,7% rispetto al livello iniziale), all’investitore saranno pagati 1.000 euro meno il 43,7%, quindi incasserebbe 563 euro.

Analisti dei sottostanti.

Amazon e Facebook negli ultimi tre anni hanno circa triplicato il valore della capitalizzazione. Grazie a questo rally, sono arrivati a trattare a premio sul Nasdaq. Facebook tratta a 22,7 volte gli utili attesi dagli analisti nel 2018, Amazon tratta a 81 volte,. Il  P/E 2018 dell’indice dei tecnologici è 20,1 volte.

Entrambe le società sono leader nel loro settore, operano con un modello di business tutto digitale che permette economie di scale mai viste nell’economia tradizionale. La traiettoria degli utili futuri mostra che il premio a cui trattano i due titoli non sono campati per aria. Gli analisti si aspettano che gli utili di Facebook, grazie alle nuove iniziative nei video e nella realtà virtuale, crescano del 25% l’anno, quelli di Amazon del 58%. In questo modo, nel giro di due anni il premio si riduce moltissimo, fino a quasi scomparire per Facebook ed a dimezzarsi per Amazon.

JP Morgan ha confermato la settimana scorsa il giudizio Overweight su Amazon, e il target price è stato portato a 1.110 dollari, da 945 dollari. Gli analisti hanno scritto nella nota che i dati del primo trimestre sono confortanti, soprattutto per quanto riguarda l’area cloud, quella che genera buona parte degli utili.

Snap è arrivata in Borsa a inizio marzo a 17 dollari, ieri ha chiuso a 21,88 dollari. Nonostante la società non abbia mai generato utili, gli analisti prevedono un bilancio positivo a partire dal  2019, quando i ricavi arriveranno a 4,55 miliardi di dollari, dai 404 milioni del 2016. La base degli utenti Snapchat dovrebbe salire a 300 milioni dagli attuali 158 milioni. I ricavi medi per utente, generati dal collocamento di pubblicità, si dovrebbero quasi decuplicare da qui a  fine 2019 a 21,3 dollari.

JP Morgan ha avviato la copertura di recente con il giudizio Neutral e target price a 24 dollari.

Rendimento del 14% in sette mesi con le meraviglie tech di Wall Street
Print Friendly, PDF & Email