Certficate. Nuovo Wedding Cake su Azimut: cedole protette dall’effetto memoria

Certficate. Nuovo Wedding Cake su Azimut: cedole protette dall’effetto memoria

Chi segue la nostra rubrica sui Certificate, si ricorderà che due settimane fa (il 23 marzo)  abbiamo descritto un prodotto di Exane con sottostante l’azione Azimut. Si trattava del Crescendo Rendimento Wedding Cake Coupon (Isin FREXA0004848), che ha come caratteristica di pagare cedole mensili anche in caso di discesa del sottostante in Borsa.  Le cedole variano, nel senso che sono più consistenti in caso di ribassi contenuti e si riducono all’aumentare del ribasso, fino ad azzerarsi se la quotazione del sottostante si dimezza rispetto al livello iniziale stabilito.

Ci ha quindi incuriosito vedere che la stessa  Exane ha emesso a poca distanza di tempo un altro Crescendo Rendimento Wedding Cake su Azimut, sempre con cedole calanti in caso di ribasso del sottostante, e siamo andati a vedere la differenza.

La novità più importante è l’effetto memoria delle cedole, che aumenta le probabilità di ottenere il massimo rendimento possibile, pari al 12% all’anno, con il capitale che viene integralmente protetto se  in tre anni (scadenza aprile 2020) Azimut in Borsa non perde più del 40% dalle quotazioni attuali.

Il Crescendo Memory Wedding Cake Coupon su Azimut è stato emesso con mano fortunata  due giorni fa (4 aprile)  a un valore nominale di 1.000 euro ed è caratterizzato dal codice Isin FREXA0005456.  Diciamo con mano fortunata perché ha già approfittato delle ultime notizie positive diffuse ieri dalla società milanese del risparmio gestito e sul mercato ha raggiunto la quotazione  di 1.020 euro.

Certficate. Nuovo Wedding Cake su Azimut: cedole protette dall'effetto memoriaAzimut ha annunciato che l’utile netto del primo trimestre 2017 sarà compreso fra 57 e 67 milioni di euro, con ricavi fra 198 e 215 milioni. Azimut prevede una raccolta netta del primo trimestre superiore a 1,7 miliardi, alla quale va aggiunta la raccolta realizzata all’estero a marzo. I dati sono in linea con le nostre stime, in particolare la raccolta del trimestre mostra implicitamente che a marzo (i conti di gennaio e febbraio sono noti) la raccolta è stata di 500 milioni di euro, un dato positivo.

Prevediamo che i conti definitivi del primo trimestre 2017 beneficeranno di un andamento molto positivo delle commissioni di performance e delle commissioni di gestione, ma bisognerà monitorare l’andamento dei costi.
Intanto ieri la quotazione di Borsa di Azimut è salita del 4,4% a 17,08 euro. Oggi il titolo non sfugge al generale ribasso dei mercati e scivola a 16,56 euro,  mantenendo comunque un guadagno complessivo del 3,7% rispetto al Valore iniziale del Wedding cake di cui parliamo, fissato a 15,959 euro.

Guarda un video esplicativo del prodotto.

Cedole mensili con effetto Wedding Cake 
Ogni mese l’investitore riceve una o più cedole in funzione del livello raggiunto in Borsa dall’azione  Azimut.

* Se  il giorno stabilito per la rilevazione la quotazione di Azimut è superiore  alla prima barriera, fissata a 14,363  euro (90% del livello iniziale), l’investitore incassa tre coupon, uno da 4,5 euro, uno da 3,5 euro e uno da 2 euro, per un totale di 10 euro, pari all’1% del prezzo di emissione del certificate (1.000 euro).

* Se la quotazione è inferiore alla prima barriera, ma superiore alla seconda barriera, fissata a 11,171 euro (70% del livello iniziale), l’investitore incassa due coupon, uno da 3,5 euro e uno da 2 euro, per un totale di  5,5 euro (0,55% del prezzo di emissione).

* Se la quotazione è inferiore alla seconda barriera, ma superiore alla terza barriera fissata a 9,575  (60% del livello iniziale), l’investitore incassa un solo coupon di 2 euro (0,2% del prezzo di emissione).

Se un mese Azimut dovesse finire sotto la terza barriera, l’investitore non incassa  nessun coupon.

Se il certificate pagasse sempre la cedola massima, il rendimento annuale sarebbe del 12%.

Cedole con effetto memoria.
 
L’effetto memoria prevede che all’investitore vengano saldate tutte le cedole arretrate non pagate il primo mese in cui la quotazione di Borsa di Azimut sarà tornata sopra la barriera di riferimento di ogni specifica cedola.

Il concetto è molto più semplice di quello che sembra e basterà  un esempio per chiarire.
Ipotizziamo che nei prossimi due mesi Azimut si stabilizzi in Borsa sotto la seconda barriera e sopra la terza. Alle date di valutazione l’investitore riceverà soltanto le cedole da 2 euro. Se il terzo mese la quotazione  tornerà sopra la seconda barriera, all’investitore saranno pagate le due cedole di spettanza di quel mese (2 euro +3,5 euro), più  tutte quelle da 3,5 euro non maturate nei due mesi precedenti.
Quando  la quotazione tornerà sopra la prima barriera, l’investitore incasserà tutte le cedole da 4,5 euro che precedentemente non gli erano state pagate.

Basterà quindi che l’ultimo giorno di valutazione, il 30 marzo 2020,  la quotazione di Azimut sia sopra la prima barriera, fissata a 14,363 euro, perché all’investitore vengano pagate  tutte le cedole previste dal prodotto. 

Protezione del capitale a scadenza
L’investitore riceve a scadenza il 100% del nominale (1.000 euro) se l’ultimo giorno di rilevazione la quotazione di Borsa di Azimut è superiore alla terza barriera, fissata a 9,575 euro.  In altre parole, il capitale è integralmente protetto se in tre anni Azimut non perde più del 40% in Borsa.

Se invece Azimut finisce sotto la terza barriera, il certificate sarà rimborsato a 1.000  euro, meno una percentuale pari alla distanza percentuale fra il livello iniziale e la quotazione dell’ultima rilevazione. In questo caso il rimborso sarà sempre inferiore a 600 euro.

E’ da sottolineare che si tratta di barriera di tipo europeo, quindi per il rimborso conta  soltanto la rilevazione dell’ultimo giorno: l’andamento di Borsa di Azimut durante la vita del prodotto non ha alcuna influenza (anche se Azimut è scesa sotto la terza barriera).

Rimborso anticipato.
Il certificate potrà essere rimborsato in anticipo a 1.000 euro a partire dal sesto mese (ottobre 2017) e in tutti i mesi successivi, se alla data di rilevazione  la quotazione di Borsa del titolo supera il Livello iniziale, fissato a 15,959 euro.
Nel caso il certificato venga richiamato anticipatamente si è quindi sicuri di ricevere una cedola dell’1% per ogni mese osservato fino alla data di richiamo anticipato.

La nostra visione su Azimut.
Crediamo che il titolo sia sottovalutato rispetto alle nostre attese ed ancor di più rispetto ai target di crescita degli utili al 2019 proposti dalla società. La nostra raccomandazione è INTERESSANTE con target price a 19 euro.

Guardando il consensus degli analisti che coprono il titolo, il 55% degli esperti ha raccomandazione Buy, il 45% consiglia Hold e nessuno raccomanda di vendere.
La media dei target price è 19 euro.

Guarda un video esplicativo del prodotto.

Vai alla scheda del prodotto.

Certficate. Nuovo Wedding Cake su Azimut: cedole protette dall’effetto memoria

Print Friendly, PDF & Email