CERTIFICATE – Cash Collect su Tesla, rendimento fino al 10%

Ottenere cedole da un investimento in Tesla, il gruppo che promette di diventare il leader mondiale dell’auto elettrica ma che non ha mai distribuito dividendi. Con il Cash collect di Banca Imi è possibile.  Il certificate con codice  Isin IT0005244303 [IT524430.MI] e sottostante l’azione Tesla oggi passa si mano a 98,6 euro, dopo essere stato emesso a 100 euro lo scorso 23 febbraio.

Il certificate paga  una cedola di 0,70 euro mensili,  pari a un rendimento annualizzato  fino a un massimo dell’8,5% da qui alla scadenza del prodotto (23 febbraio 2018). A questo rendimento  va aggiunto un altro 1,4% (perché quota sotto la pari, rispetto a un prezzo di emissione di 100).  Si arriva così a un rendimento complessivo di circa il 10% in poco meno di un anno: non male per  una società che non ha mai distribuito dividendo.

Per vedere un video esplicativo clicca qui

Le cedole
Il  certificate paga quattro premi fissi incondizionati di 0,7 euro l’uno nei primi quattro mesi del 2017 (marzo, aprile, maggio e giugno). Affinché venga riconosciuto il premio, è necessario che il certificato sia acquistato tre giorni lavorativi prima delle date effettive di pagamento. Quindi, per ricevere il premio incondizionato bisogna possedere il certificate nelle seguenti date:  20 marzo 2017 (pagamento 23 marzo 2017); 19 aprile (pagamento 24 aprile), 18 maggio (pagamento 23 maggio) e 20 giugno (pagamento 23 giugno).

Nei seguenti otto mesi  se il prezzo di chiusura di Tesla alle date di osservazione sarà sopra, o allo stesso livello, della barriera,  il certificate staccherà la cedola, altrimenti quel mese non verrà distribuito alcun premio. Nel mese successivo si ripeterà lo stesso confronto. La barriera è fissata a   179,193 dollari, il 29% sotto il prezzo di oggi.

  Cosa succede alla  scadenza?
Alla scadenza il certificate verrà ritirato al valore nominale di 100 euro se il sottostante sarà sopra o uguale alla barriera. In caso di discesa sotto la barriera, il rimborso sarà di 100 euro meno una percentuale pari alla differenza  percentuale tra il prezzo di riferimento iniziale (lo strike) e il prezzo del titolo alla data di valutazione finale ( 21 febbraio  2018).

Se Tesla all’ultima data di osservazione (21 febbraio  2018) risulterà sopra o pari alla barriera,  allora il certificate verrà ritirato a 100 euro con un rendimento fino al 10% annuo, se avrà staccato tutte le cedole mensili (8,5% in dodici mesi).
Lo scenario negativo lo avremo se all’ultima data di valutazione Tesla dovesse quotare sotto 179,193 dollari:  allora il certificate verrà ritirato a 100 euro meno una percentuale pari alla distanza percentuale dallo strike, fissato a 255,99 dollari.

Per fare un esempio, se il titolo di Tesla dovesse quotare appena sotto 179,193 euro, il certificate verrà ritirato poco sotto 70 euro. A questa cifra bisognerà sommare le cedole percepite per calcolare l’effettivo rendimento dell’investimento. Sicuramente il sottoscrittore avrà ricevuto le prime quattro cedole pari al 2,8%.

Le prospettive di Tesla Il gruppo viene  riconosciuto come all’avanguardia nel settore automotive. In particolare il suo fondatore, l’eccentrico  Elon Musk, un autentico genio del settore tech, colui che ha inventato Pay Pal, ha fondato Space X (il gruppo che promette di portare l’uomo su Marte), sta lavorando a Hyperloop il progetto che punta a realizzare treni che viaggiano a 1.400 km orari.

Con Tesla promette di cambiare l’intero settore automotive portandolo a una trazione totalmente elettrica. Il gruppo, come si vede nella tabella qui sotto, non ha mai generato utili , ma i ricavi sono in forte crescita. Le prenotazioni per i nuovi modelli di Tesla hanno una lista d’attesa di oltre un anno. Gli investitori scommettono che il gruppo sia in grado di sparigliare la concorrenza tanto che in Borsa Tesla capitalizza 40 miliardi di dollari contro i 17 miliardi di Fca.

Gli analisti sono divisi con un 35% di raccomandazioni Buy e un 26% di Sell.  Il target price medio è di 253,4 dollari, sopra la barriera.

Come tutti gli investimenti di Elon Musk, il titolo Tesla è avaro di cedole in quanto le risorse sono tutte dedicate a mantenere elevati gli investimenti per fare del gruppo il numero uno mondiale nel settore dell’auto elettrica.  Questo certificate di fatto permette di investire in Tesla con l’obiettivo di avere subito delle cedole, ma senza scommettere su un rialzo del titolo. Il rischio è che in un anno Tesla perda in Borsa  il 29%.

Per vedere una scheda prodotto clicca qui

www.websim.it

www.websimaction.it

 

 

Print Friendly, PDF & Email