Certificate. Wedding Cake su Intesa, rendimento fino al 14,4% con super protezione

Certificate. Wedding Cake su Intesa, rendimento fino al 14,4% con super protezione

Non più certificati con cedole fisse qualunque sia l’andamento del sottostante, ma un Cash Collect a cedole variabili. E’ questa la novità di marzo lanciata da Exane com la famiglia “Wedding Cake Coupon”.

L’obiettivo di questa tipologia di prodotti è premiare l’investitore con un flusso cedolare più abbondante in caso di ribassi contenuti del sottostante, mantenendo tuttavia un profilo conservativo grazie ad una prima barriera con ampia protezione, che permette di incassare un coupon base,  in modo da assicurare in ogni caso un’ottima protezione del capitale a scadenza.

Un esempio di questo tipo di certificate è il nuovo Cash Collect su Intesa SanPaolo. La rinuncia al progetto di integrazione con Generali sta richiamando in Borsa un forte interesse sulla banca milanese, che crediamo proseguirà.

Certificate. Wedding Cake su Intesa, rendimento fino al 14,4% con super protezioneIl certificate in questione,  che a nostre parere ha potenzialità molto interessanti, si chiama “Crescendo Wedding Cake Coupon” con sottostante l’azione di Intesa Sanpaolo. Il prodotto è identificato dal codice Isin FREXA0004780 [FREXA0004780.TX].

Emesso il 20 febbraio scorso a 1.000 euro, sul mercato vale oggi poco di più (1.017 euro),  mentre Intesa SanPaolo è già il 6% sopra il livello iniziale permettendoci di approfittare del buon rialzo del titolo dei giorni scorsi.

Questo certificate staccherà cedole mensili scalettate a seconda della quotazione del sottostante. Si va da un massimo di 12 euro (1,2% al mese del valore di emissione) a un minimo di 4 euro (0,4%) che viene pagato anche con un calo del 49% del titolo. Il rendimento può arrivare fino al 14,4% l’anno.

La scadenza è fra tre anni (20 febbraio 2020),  la barriera è solo a scadenza (tipo europeo), quindi la più conveniente per l’investitore, ed è posizionata a 1,188 euro, quindi l’investitore è protetto fintanto che il l’azione Intesa Sanpaolo non arrivi a perdere in Borsa più del 49%.

Clicca qui per vedere un video esplicativo del prodotto

Analizziamo tutte le caratteristiche.

CEDOLE

Come spiegato in precedenza le cedole sono condizionate a seconda dell’andamento del sottostante. Ogni mese alla  data di valutazione si guarderà la quotazione di Borsa di Intesa SanPaolo. Se l’azione della banca  si troverà sopra a 1,944 euro (un prezzo più basso del 10% dal livello iniziale e più basso del 16% dal livello attuale), il certificate staccherà una cedola dell’1,2%, ovvero 12 euro.

Se l’azione Intesa si troverà tra 1,944 euro e 1,512 euro, ovvero avrà registrato un calo tra il 16% e il 35% dalle attuali quotazioni, la cedola sarà di 6 euro (0,6%).

Anche in caso di cali molto maggiori il prodotto staccherà una cedola. Il certificate infatti staccherà 4 euro (0,4%) anche se Intesa si dovesse trovare tra 1,512 euro e 1,188, ovvero fra quotazioni più basse delle attuali del 35% e del 49%. Quindi anche se Intesa si dovesse quasi dimezzare in Borsa, il prodotto staccherà una cedola.

La verifica del livello del sottostante avverrà ogni mese. Se Intesa dovesse perdere oltre il 49% il certificate non distribuirà la cedola ma in caso di recupero si avrà diritto a quella del mese successivo.
La prima cedola verrà distribuita il prossimo 20 marzo e a vedere dal movimento del titolo in questi giorni si può ben sperare in un coupon di 12 euro.

RIMBORSO ANTICIPATO

Ogni mese a partire dal sesto mese e fino alla scadenza (35 esimo mese) se le quotazioni di Intesa saranno superiori o uguali al 100% del Livello Iniziale fissato a 2,16 euro (6% sotto le attuali quotazioni), si attiva il meccanismo di rimborso anticipato . Il prodotto è rimborsato e l’investitore riceve 1.000 euro per ogni certificato. Se la condizione per il rimborso anticipato non è soddisfatta, il prodotto continua ad essere quotato così per la valutazione al mese successivo.

SCENARI ALLA SCADENZA

Gli scenari alla scadenza (ultima data di valutazione 20 febbraio 2020) sono due:
1) Se all’ultima rilevazione le quotazioni di Intesa sarà superiore alla maggiore protezione ovvero a 1,188 euro (-49% dalle attuali quotazioni)  il certificate verrà rimborsato a 1.000 euro. Lo stacco delle cedole dipenderà da come si è mosso il sottostante nei precedenti  tre anni.

2) Se all’ultima rilevazione Intesa SanPaolo segnerà una quotazione inferiore alla barriera di 1,188 euro il certificate verrà  rimborsato a un prezzo calcolato sottraendo da 1.000 euro una percentuale pari alla distanza fra il fixing iniziale e il prezzo del titolo alla data di valutazione.
Facciamo un esempio: se Intesa dovesse trovarsi appena sotto la barriera a 1,188 euro il certificate verrà ritirato a poco meno di 550 euro.

STRATEGIA
La forza di questo certificate è quella di riuscire a distribuire  cedole molto elevate in caso di  limitati ribassi del sottostante ma di non lasciare il sottoscrittore a bocca asciutta anche in caso di forti ribassi dell’azione Intesa. Con le cedole pagate al livello minimo (4 euro al mee), il rendimento annuo resta un più che confortante 4,8%.

La barriera a 1,188 euro offre una fortissima protezione e in più è europea, questo mette l’investitore al riparo dalla volatilità, perché durante l’arco di vita del prodotto Intesa può scendere sotto la barriera senza intaccare la struttura del certificate, l’importante è che alla data di valutazione finale il titolo si trovi sopra la barriera.

Abbiamo una visione molto positiva su Intesa Sanpaolo. La  nostra raccomandazione su Intesa è INTERESSANTE con un prezzo obiettivo di 2,9 euro. Non siamo gli unici ad avere questa posizione. Su 33 analisti censiti da Bloomberg prevale l’ottimismo: 22 consigliano di acquistare il titolo e 10 di tenerlo in portafoglio, solo uno  di venderlo.  Il prezzo obiettivo medio è di 2,63 euro . Da inizio anno il titolo arretra del 9,32%, contro una performance dell’indice FtseMib del -1,67%. Sulle attuali stime del consenso il P/E atteso per quest’anno è fissato a 10,43 volte.

Abbiamo giudicato positivamente il passo indietro sul dossier Generali che avrebbe offuscato la solida posizione patrimoniale del gruppo, almeno nel breve periodo e la generosa politica di dividendi. Il rialzo dell’inflazione e dei tassi potrebbe finalmente permettere al settore bancario di ampliare i margini. Crediamo che la società sia ben posizionata per ampliare la propria quota di mercato incrementando la profittabilità.

Per vedere le caratteristiche del prodotto clicca qui

Certificate. Wedding Cake su Intesa, rendimento fino al 14,4% con super protezione

Print Friendly, PDF & Email