INTESA SANPAOLO – Il Certificate sexy: maxicedola e rischio limitato

INTESA SANPAOLO – Il Certificate sexy: maxicedola e rischio limitato

di Redazione Websim

Tre buoni motivi che rendono un certificate sexy: cedole elevate, effetto memoria e una barriera molto lontana.  Avendo riscontrato queste tre caratteristiche, oggi mettiamo sotto la lente l’Exanino superbarriere con sottostante Intesa SanPaolo e Isin (FREXA0002230 [FREXA0002230.TX])

MAXICEDOLA

Il primo motivo che rende interessante il prodotto emesso da Exane Derivatives sono le cedole. Il prossimo 20 dicembre l’Exanino superbarriere  staccherà una maxi cedola dell’8% (80 euro), a  condizione che il giorno della rilevazione (6 dicembre 2016) l’azione Intesa Sanpaolo sia sopra la barriera, posta a 0,961 euro. Per finire in barriera l’azione dovrebbe subire un ribasso del  51% rispetto al prezzo di oggi.

intesasanpaolo.pngCrediamo irrealistico che da qui a due mesi Intesa possa dimezzarsi di valore in Borsa,  l’istituto è tra i più solidi in Europa con un Cet 1 pari al 12,7% e gode di un forte apprezzamento anche tra gli analisti:  su 33 esperti intervistati da Bloomberg 24 consigliano di acquistare il titolo e 8 di tenerlo in portafoglio, solo uno consiglia  di venderlo.  Il prezzo obiettivo medio è di 2,59 euro .

Dopo il maxi stacco le  cedole non sono finite.  Dal sesto mese in poi,  cioè da  febbraio 2016, il prodotto staccherà una cedola mensile dello 0,5% a condizione che Intesa SanPaolo  alle date di rilevazioni si trovi sopra la barriera, posta a 0,961  euro.

Il primo anno il certificate  può arrivare a staccare l’8% di cedole più un altro 3,5% (ovvero la somma di quelle dal sesto mese in poi ) con un rendimento annualizzato dell’11,5% . Gli anni successivi il rendimento sarà pari allo 0,5% al mese per 12 mesi, dunque un buon 6%. Il rendimento totale del prodotto può arrivare in tre anni al 23,5%.

Clicca qui per vedere un video esplicativo

EFFETTO MEMORIA

Il secondo buon motivo è l’effetto memoria. La barriera dell’Exanino sono interessanti non solo perché sono europee (ovvero durante la vita del prodotto il sottostante può anche scendere sotto la barriera, senza che il certificate perda la possibilità di staccare le cedole,  l’importante è la data di valutazione)  ma perché gode dell’effetto memoria.

Cosa significa? Se l’azione  Intesa Sanpaolo dovesse trovarsi a una data di rilevazione sotto la barriera, allora il certificate non distribuirà la cedola mensile per quel mese.
Questo però non significa aver perso la possibilità di incassare la cedola. Basterà,  infatti,  che in qualsiasi altra data di rilevazione successiva il prezzo sia sopra la barriera, perché il certificate  distribuisca non solo la cedola mensile ma anche tutte quelle arretrate non distribuite, recuperandole interamente.
Il prodotto ha scadenza il 5 agosto del 2019.

SUPERBARRIERA

Terzo buono motivo: la barriera molto distante. Come già detto la barriera si trova a un livello del 51% inferiore agli  attuali prezzi di Borsa. Il  consensus è molto ottimista sul titolo Intesa Sanpaolo, una banca che gode di un’elevata solidità patrimoniale.

Websim ha una raccomandazione MOLTO INTERESSANTE con un target price a 3 euro.

Per trovare Intesa SanPaolo sotto il livello di barriera dobbiamo andare indietro di 4 anni, solo in due brevi passaggi nel 2011 e 2012 in piena crisi spread. Si tratta di periodi isolati in cui il titolo ha poi subito recuperato.

STRATEGIA

Strategia: l’altra caratteristica interessante del prodotto è che dall’11esimo mese in poi è “autocallable”, questo significa che può essere richiamato automaticamente dall’emittente al prezzo di emissione pari a 1.000 euro (pari a circa il prezzo di oggi in Borsa), dopo aver pagato tutte le cedole se la quotazione di Intesa sarà superiore al livello inziale fissato a 1,923 (il titolo è già sopra).

La nostra strategia è puntare sul rimborso anticipato in modo da incassare la maxicedola dell’8% più un altro 3% di cedole (assicurate dall’effetto memoria) e portarsi a casa un rendimento dell’11% in 11 mesi (12% annualizzato) . Il titolo oggi è già sopra il livello iniziale e da inizio anno perde il 38,5%, crediamo che abbia buone possibilità di recuperare .

SCENARI ALLA SCADENZA

Gli scenari alla scadenza (ultima data di valutazione 5 agosto 2019) sono due:
1) Se all’ultima rilevazione la quotazione di  Intesa sarà  sopra la barriera, il certificate verrà ritirato a 1.000 euro dopo il pagamento di tutte le cedole (vedi effetto memoria, solo la maxicedola non gode dell’effetto memoria).
2)  Con la quotazione finale sotto la barriera, il certificate verrà ritirato a 1.000 euro, meno la differenza percentuale dal fixing iniziale, fissato a 1,923 euro. Facciamo un esempio: se il titolo dovesse trovarsi all’ultima data di valutazione a 0,961 euro (appena sotto la barriera), allora il certificate verrebbe ritirato a poco meno di 500 euro.

Link alle schede del prodotto

Link al video

www.websim.it

Print Friendly, PDF & Email