CERTIFICATE: terzetto sul Lusso: gran classe e grande rendimento (sopra il 10%)

CERTIFICATE: terzetto sul Lusso: gran classe e grande rendimento (sopra il 10%)

I tre sottostanti del derivato a codice ISIN FREXA0015620 sono Ferrari [RCE.MI], Moncler [MONC.MI] e Kering [PRTP.PA], la holding che controlla Gucci…

Comunicazione di marketing

C’è sul mercato un certificate sul Lusso: cedole elevate pari allo 0,86% mensile (10,2% annuale), barriere profonde (60%) e tre sottostanti di classe: Ferrari [RCE.MI], Moncler [MONC.MI] e Kering [PRTP.PA], la holding che controlla Gucci

Il nuovo Crescendo Rendimento Memory emesso da Exane con Isin FREXA0015620 [FREXA0015620.TX] è arrivato sul mercato il 21 febbraio e punta su un comparto capace di resistere meglio di altri ai rallentamenti economici.

Il terzetto è formato da società con strutture finanziarie equilibrate, premiate anno dopo anno in maniera crescente, dal favore dei consumatori.

Ferrari e Moncler hanno presentato dati del 2018 eccezionali, molto sopra le attese: entrambi i titoli, il giorno della pubblicazione, sono saliti di oltre il 10%. Kering, nel comunicato diffuso il 12 febbraio, aveva riconosciuto, forse in un modo più esplicito di altri, quel che è sotto gli occhi di tutti: il progressivo peggioramento del contesto di mercato. Il titolo, era arrivato a perdere quasi il 5% nel corso della mattinata, ma aveva poi invertito la rotta dopo le rassicurazioni sull’andamento delle attività, arrivando a chiudere in rialzo del 3%.

Kering guadagna da inizio d’anno il 19% a 489 euro. Moncler il 24% a 36 euro. Ferrari il 32% a 115 euro.

Questo certificate, ogni mese stacca una cedola di 8,6 euro se, alla data di osservazione, ognuno dei sottostanti è maggiore o uguale alla barriera, pari al 60% del valore iniziale. Grazie all’effetto memoria, se ad una qualsiasi data di osservazione mensile i tre sottostanti sono sopra la barriera, oltre alla cedola di quel mese, si ricevono tutte le cedole non corrisposte in precedenza.

A partire dal 6° e fino al 35°, il Certificato offre la possibilità di rimborso anticipato se il prezzo di ognuno dei sottostanti è maggiore o uguale ad una barriera decrescente, ecco come varia: 100% del Livello Iniziale dal 6° al 12° mese; 95% del Livello Iniziale dal 13° al 24° mese; 90% del Livello Iniziale dal 25° al 35° mese.

A scadenza (14 marzo 2022) gli scenari possibili sono due: l’investitore riceverà 1000 euro per ogni certificato se ognuno dei sottostanti è maggiore o uguale al 60% del Livello Iniziale. In caso contrario, il rimborso finale sarà inferiore a 600 euro. L’investitore riceverà il valore finale del peggior sottostante in percentuale rispetto al Livello Iniziale moltiplicato per 1000 euro.

Ricordiamo che il certificate è esposto al rischio fallimento dell’emittente e azzeramento di uno dei sottostanti, eventualità che porterebbero l’investitore a perdere la totalità del capitale investito.

—-

Per l’industria del Lusso, la seduta plenaria del Parlamento della Cina attualmente in corso a Pechino, conta probabilmente di più delle sfilate delle nuove collezioni tenutesi il mese scorso nelle capitali europee della moda.

Le eventuali misure di stimolo all’espansione economica decise dal Congresso del Popolo, potrebbero contribuire a mantenere in buona salute un settore sempre più dipendente dai consumi dei cinesi, quelli interni, ma soprattutto quelli dei turisti in giro per il mondo. Bain stima che questi ultimi possano valere circa un terzo delle vendite complessive di prodotti di abiti, gioielli, orologi e automobili sportive.

Gli anni ruggenti dell’espansione economica della Cina, all’incirca quelli della prima parte del decennio in corso, sono stati accompagnati da un boom dell’industria mondiale del Lusso, soprattutto di quella europea. Per questa ragione, da qualche anno, quando la seconda potenza economica mondiale rallenta, i grandi nomi del fashion, perdono quota in Borsa.

Cina ed industria del Lusso sono sempre più prossimi, quindi non stupisce che negli ultimi sei mesi, l’indice della Borsa di Shanghai ed il titolo L.V.M.H. sia siano mossi all’unisono (vedi grafico). kering cina composite leggero.png

Negli ultimi mesi, alcuni grandi nomi del settore, come Tiffany, Michael Kors e Jimmy Choo hanno ammesso che i turisti cinesi di passaggio a Hong Kong ed a New York stanno spendendo meno, ma si tratta di eccezioni, giusto di recente, L’Oreal e L.V.M.H. per esempio, hanno detto di non essersi accorto di nulla: i nuovi ricchi cinesi, sentono più che mai il bisogno di mostrare la loro opulenza ed il loro nuovo status sociale.

I timori di una brusca frenata degli acquisti dei cinesi erano stati fugati una prima volta lo scorso autunno, in occasione della presentazione dei dati del terzo trimestre. Le grandi società del settore, in occasione della pubblicazione dei dati del 2018 sono state ancora più perentorie nello smentire segnali di raffreddamento.

Nel futuro della Cina, perlomeno nel medio periodo, non sembrano esserci delle accelerazioni della crescita, anzi, il consensus mette in conto una progressiva perdita di spinta del PIl. Ma l’industria del Lusso, già per proprio statuto costretta ad affrontare la mercurialità dei gusti dei consumatori, ha mostrato in questi anni di sapersi adeguare velocemente anche ai mutamenti del contesto macroeconomico, per cui, non è detto stia arrivando la fase del declino.

Prima dell’adesione leggere il prospetto informativo.
Il prospetto e le informazioni chiave (KID) relative al certificate sono reperibili sul sito dell’emittente qui:

logo_exane_derivatives.gif

La presente comunicazione  non integra in alcun modo consulenza – nemmeno generica  –  o ricerca in materia di investimenti, non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

www.websim.it

www.websimaction.it

Print Friendly, PDF & Email