Dieci titoli sotto la lente questa settimana

Dieci titoli sotto la lente questa settimana

Websim propone le società che potrebbero mettersi in luce questa settimana. I dieci titoli da tenere d’occhio sono:

generaliGenerali sotto i riflettori. Lo shopping di Leonardo Del Vecchio sulla compagnia non conosce soste. Nelle prime tre sedute di gennaio, il patron di Luxottica ha comprato 915mila azioni del Leone, portando la partecipazione dal 4,07% di fine 2018 al 4,12% attuale. Nel frattempo, un altro imprenditore di spicco del panorama italiano, Caltagirone, è salito  al 4,78%.

Enel ha avviato la costruzione del parco eolico di High Lonesome, in Texas. L’impianto avrà una capacità di circa 450 megawatt e richiederà un investimento di 600 milioni di dollari (attualmente il finanziamento è sostenuto da risorse proprie), in linea con il piano strategico 2019-2021.

Ferrari sta avviando un programma di acquisto di azioni proprie da 150 milioni di euro. Si tratta della prima fase di un progetto pluriennale da 1,5 miliardi di euro, da completare entro il 2022. Il programma terminerà entro il 27 giugno e sarà finanziato attraverso la liquidità disponibile della società.

Eni ha rilevato da Caelus Natural Resources il 70% del giacimento di Oooguruk in Alaska, di cui già possedeva il 30%. Situato nel Mare di Beaufort, il campo è attivo dal 2008 con una produzione pari a circa 10mila barili al giorno. L’operazione incrementa la produzione di Eni di circa 7mila barili al giorno.

Fiat Chrysler ha registrato a dicembre un incremento del 14% delle vendite negli Usa a 196.520 veicoli; nell’anno sono salite del 9% a 2.235.204 veicoli. Dicembre è stato positivo anche per il mercato italiano. La crescita su base annua è stata pari all’1,96% con 124.078 nuove auto immatricolate.

Per visualizzare questi contenuti consulta il sito websim disponibile agli abbonati

Banca IfisBanca Ifis, attiva nel settore della finanza alle imprese e nell’acquisto e gestione di crediti deteriorati, è un titolo da monitorare con attenzione. La Stampa riporta un’intervista rilasciata dall’amministratore delegato Giovanni Bossi, il quale ha dichiarato che i profitti dell’anno saranno pari a 140 milioni, in linea con le attese degli analisti. Clicca qui per approfondire

Falck Renewables, gruppo che progetta, costruisce e gestisce impianti per la produzione di energia rinnovabile, ha ricevuto il giudizio positivo da Banca Akros, che ha alzato il target price da 2,6 a 2,9 euro e ha confermato il giudizio Accumulate, ovvero interessante. Secondo gli analisti, i conti 2018 supereranno le stime.  Clicca qui per approfondire

Finlogic, gruppo attivo dell’identificazione automatica e nei sistemi di etichettatura per la tracciabilità dei prodotti, sotto i riflettori. Dino Natale, amministratore delegato, ha rilasciato un’intervista al sito AIMnews.it, durante la quale ha tratteggiato i pilastri della strategia di business per il 2019. L’intenzione è quella di espandersi attraverso nuove acquisizioni. Per visualizzare tutto il contenuto clicca qui

Aedes, gruppo attivo negli investimenti immobiliari, ha eseguito una scissione che ha dato luogo a due società. La vecchia Aedes ha assunto la denominazione di Restart e ha l’obiettivo di acquisire asset immobiliari e rivenderli in un’ottica opportunistica. L’altra società ha mantenuto invece il nome di Aedes Siiq, e si concentra sulla gestione e sullo sviluppo di immobili a reddito. Per approfondire clicca qui

SMRE, operatore attivo nell’ambito della produzione di macchinari per l’industria e nel settore della mobilità sostenibile, sotto i riflettori. La statunitense SolaEdge, gruppo che opera nel campo delle tecnologie per le energie rinnovabili quotato al Nasdaq con una capitalizzazione di 1,7 miliardi di dollari, ha annunciato di avere raggiunto un accordo per rilevare la maggioranza del capitale della società. Leggi tutta l’analisi su Websim

 

www.websim.it

Print Friendly, PDF & Email