CERTIFICATE – Il Bonus Cap sulle banche europee che promette il 15% annualizzato

Il prodotto emesso da Unicredit con ISIN DE000HV40D54 scadrà nel giugno del 2019 passa di mano a 98 euro e verrà ritirato a 109,5 se lo stoxx bancario europeo non perde il 22%….

L’istituto di vigilanza bancaria europeo (SSM) ha recentemente pubblicato delle nuove disposizioni relative al trattamento dello stock di sofferenze detenute dalle banche.

La nuova posizione del regolatore sugli NPL sarebbe stata guidata dai “progressi rilevanti nella riduzione dei crediti deteriorati” pur evidenziando che la strada è ancora lunga e sono ancora necessari ulteriori sforzi.

Le nuove disposizione hanno tre aspetti principali:

1. Per fronteggiare le consistenze di crediti deteriorati, la Banca centrale europea formulerà aspettative di vigilanza riguardo ai relativi accantonamenti a livello di singola banca.

2. L’obiettivo è conseguire lo stesso livello di copertura per le consistenze e i flussi di sofferenze a medio termine.

3. Le aspettative definite a livello di singola banca tengono conto, in modo coerente tra enti comparabili, dell’attuale incidenza delle sofferenze per la banca in oggetto e delle principali caratteristiche della sua situazione finanziaria.

La vigilanza bancaria europea avrebbe quindi varato l’approccio di valutazione banca per banca, in funzione dello stock di sofferenze di partenza e dalle principali caratteristiche della sua situazione finanziaria. Non è quindi passata la linea dura che proponeva di imporre un’unica soglia sullo stock di esposizione alle sofferenze (Npe) pari al 5% per gli impieghi lordi e 2,5% per quelli netti. Ricordiamo che la coperture sulle sofferenze in Italia hanno raggiunto a maggio il 69,8%, il livello più alto di sempre inoltre, stando ai nostri calcoli, l’Npe lordo medio del sistema bancario italiano dovrebbe scendere in area 9% entro fine 2018/inizio 2019.

Dopo tanti anni di “sofferenze”, si direbbe che il settore bancario stia forse vedendo la luce in fondo al tunnel. Se poi alla fine dell’anno prossimo arriverà anche il tanto vociferato aumento dei tassi d’interesse, allora il vento dovrebbe girare completamente a favore del settore.

Nonostante la forte crescita degli utili in questa prima parte dell’anno il settore da inizio anno viaggia con un rosso del -15%, con l’indice generale che mostra un saldo invariato.

90SettoriEuro.gif

Graficamente l’indice è stato respinto dalla forte resistenza presente in area 145 punti, toccata lo scorso gennaio. Da allora ha perso circa un quarto del suo valore, ritracciando circa metà del movimento rialzista compiuto nel 2016 – 2018. La formazione di divergenze sull’oscillatore RSI e la prossimità dell’importante fascia di supporto verso quota 110/100 punti, non fanno che rafforzare la tesi che una fase d’inversione non sia lontana.

EURO STOXX BANKS [.SX7E]
23BANCHE.png

Per chi volesse cavalcare questo scenario, beneficiando al contempo della protezione di una barriera al ribasso, è interessante il Bonus Cap Certificate con ISIN DE000HV40D54 [DEHV40D5.MI] che oggi scambia poco sotto la parità. Il sottostante è appunto l’indice Eurostoxx Banks, composto dalle 27 più grandi banche dell’Eurozona.

Emesso a quota 100 nel novembre 2017 scadrà tra circa un anno, cioè il 21 giugno 2019 e prevede a scadenza il rimborso a quota 109,5, cioè il 9,5% sopra il prezzo di emissione, alla condizione che durante la vita del prodotto non verrà mai toccata la barriera posta circa un 20% sotto le quotazioni attuali dell’indice sottostante (valore dell’indice oggi circa 110 punti, valore della barriera 87,035 punti).

La barriera è di tipo continuo, cioè è sufficiente che venga toccata una volta. Questo è lo scenario più sfavorevole perché porterebbe alla disattivazione della protezione ed il Certificate andrebbe a replicare la performance dell’indice sottostante. In particolare se alla scadenza l’Eurostoxx Bank dovesse trovarsi appena sotto la barriera il certificate verrebbe ritirato a 65 euro.

Clicca qui per un video esplicativo

Clicca qui per la scheda prodotto

www.websim.it
www.websimaction.it

Leggere attentamente il prospetto informativo
Messaggio Pubblicitario

Print Friendly, PDF & Email