BOND – Il decennale della World Bank che rende fino al 6% in dollari

Arriva il bond della normalizzazione ed è il doppio più interessante di un Treasury a 10 anni. Tripla A, agevolazione fiscale, al riparo del Bail In con investimenti finalizzati allo sviluppo economico…..

Arriva il bond della normalizzazione ed è molto più interessante di un Treasury a 10 anni.

Si chiama Steepener maggio 2028 in dollari con Isin XS1813572663 [XS181357266=MI] è targato niente meno che  World Bank, rating tripla A, e promette cedole davvero elevate. Il primo anno il 4%, sopra il 3% offerto dal Treasury a 10 anni e poi, dal secondo al decimo anno, sette volte  il differenziale tra il tasso swap a 10 e 2 anni, fino al massimo del 6%.

Per capire se questa formula è conveniente, basta fare un salto nel passato, negli ultimi 28 anni questo differenziale in media è stato pari a 1,216 euro, dunque il bond avrebbe reso il 6%, il doppio rispetto al Treasury a 10 anni. Per rendere quanto il Treasury lo spread tra i due tassi deve essere almeno pari a 0,42, livello che ha quasi sempre mantenuto.

Nel grafico sotto la linea verde mostra come si è mosso lo spread dei due tassi, si può ben capire che le chance di ricevere un rendimento vicino al 6% sono davvero elevate.

interestswap1.png

Certo, siamo in un mondo che non si ripete, che naviga in una liquidità  mai vista prima, con oltre 14 trillioni di dollari stampati dalle anche centrali, ma la fase di normalizzazione è ormai in atto. L’inflazione in Usa è ripartita e le Fed sta alzando i tassi. La visione di diversi economisti è che, tra un anno, con tassi decisamente più alti del recente passato e dopo il secondo ciclo economico in espansione più lungo di sempre, arrivi una fase di rallentamento che riporterà un allargamento del differenziale dei tassi swap a due e dieci anni.

L’immagine sottostante sovrappone al grafico precedente  le fasi di recessione Usa, visibili con la sfumatura rossa. E’ ben visibile come da queste fasi in poi e per diversi anni, il differenziale dei tassi a breve a lungo si normalizza superando ampliamente un punto percentuale che moltiplicato per sette porta il rendimento del nostro bond al valore massimo del 6%.

interestswap2.jpg

Alla luce di queste analisi il bond appare dunque Molto interessante. Oggi quota a 100 quindi perfettamente alla pari. La sua forza, come tutti i bond emessi dalla World Bank è data anche da una serie di caratteristiche non comuni al mondo obbligazionario: tripla A, fiscalità agevolata al 12,5%, emissione non soggetta al Bail in e anche la finalità di questa emissione ha un surplus perché finanzia i progetti della banca mondiali  per lo sviluppo economico.

Analizziamo ad uno ad uno le singole caratteristiche. Ad oggi nemmeno gli Stati Uni godono di un rating tripla A da parte sia di S&P che Moody’s. Solo Germania, Svizzera, Canada, Australia, Svezia, Danimarca, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, nel mondo vantano la tripla A ma tutte queste nazioni offrono rendimenti significativamente inferiori a quelli del Bond della World Bank.

Fiscalità agevolata: la tassazione sui rendimenti legate a questo bond è pari al 12,5% pari a quella sul Btp, contro invece il 26% applicata ai bond corporate.
Non soggetto al Bail in significa che l’emittente non è soggetto a Bail in ovvero alla condivisione del rischio fallimento dell’emittente con il sottoscrittore.

Analizziamo a fondo anche i rischi. Il maggiore rischio è legato alla valuta, il dollaro. Crediamo che una logica di diversificazione sia importante avere un’esposizione in dollari. Meglio se questa ci offre un rendimento e non dunque solo con la valuta. Questo è il motivo principale per cui abbiamo confrontato il prodotto con un Treasury a 10 anni perché il governativo americano è in genere un bond da avere in portafoglio. Crediamo che l’obbligazione della  World Bank abbia tutte le caratteristiche per essere più attraenti a un Treasury decennale.

Sul fronte cambio la nostra visione è che l’evoluzione euro dollaro sarà molto legata dalla fine di una fase di monetaria espansiva in Europa che riporterà attenzione sui governativi dei Paesi periferici indebolendo la moneta unica.

Clicca qui per vedere la scheda

Clicca qui per vedere un video

www.websim.it
www.websimaction.it

Print Friendly, PDF & Email