CERTIFICATE – Un Bonus Cap su Generali per cavalcare il rialzo tassi

CERTIFICATE – Un Bonus Cap su Generali per cavalcare il rialzo tassi

E’ tornata la volatilità e i mercati traballano ad alta quota dopo i record registrati nelle ultime settimane. Gli ottimi dati macro sul fronte occupazione negli Stati Uniti, sono stati letti dagli investitori come il segnale di un rialzo tassi da parte della Fed non più rimandabile, il rischio sarebbe quello di far surriscaldare i prezzi.

Il rialzo dei tassi destabilizza i mercati. I bond nel breve sono deboli, in attesa di un calo del loro valore, mentre dopo questa fase torneranno ad essere più competitivi grazie a rendimenti più alti. Significa riassestare tutti i Generali.Ceo.Donnet.Philippe.3x4.jpgportafogli, nel breve si traduce in vendite sull’obbligazionario, che dopo la fase di rialzo tassi, sarà molto più attraente.
L’equity ne risente di conseguenza, tassi più alti significa oneri finanziari in aumento mentre i bond saranno più interessanti.

La fase di “normalizzazione” è pronta per partire. Ora i tassi in rialzo non fanno male a tutti, anzi c’è un settore che in questi anni ha patito più di altri i rendimenti ai minimi e che ora è pronta ad approfittare di un ritorno alla normalità : le assicurazioni.

Tassi di più alti per il comparto significa margini in crescita, soprattutto adesso che le maggiori compagnie hanno tagliato ai minimi i costi per resistere in questa stagione di vacche magre..

In questa fase ci sembra interessante il certificate Bonus Cap emesso da Banca Imi con Isin IT0005281974 [IT528197.MI] che oggi passa di mano a 100,5 euro. Se alla  scadenza (il 3 marzo 2019 del prossimo anno), Generali si troverà sopra la barriera fissata a 11,984 euro, il certificate verrà ritirato a 108,3 euro con un rendimento dell’8% in poco più di dodici mesi.

Generali oggi tratta a 15,21 euro, sopra del 21% rispetto alla barriera che, ricordiamo, è tipo europea, ovvero vale solo a scadenza. Se da oggi alla fine di vita del prodotto, Generali dovesse portarsi sotto la barriera, la struttura del certificate rimane intatta. Il Bonus verrà comunque staccato se il titolo Generali recupera e alla scadenza si porta sopra a barriera.

L’evento negativo lo avremmo, invece, se Generali, alla  scadenza, dovesse trovarsi sotto il livello di barriera, ad esempio, se fosse appena inferiore a 11,984 euro, il nostro certificate verrebbe ritirato a poco meno di 80 euro, ovvero 100 euro meno la distanza percentuale tra le quotazioni del titolo alla data di valutazione finale e il valore di riferimento iniziale fissato a 14,98 euro.

Su  32 analisti censiti da Bloomberg prevale l’ottimismo: 13 consigliano di acquistare il titolo e 14 di tenerlo in portafoglio, il restante di venderlo.  Il prezzo obiettivo medio è di 16,79 euro . Sulle attuali stime del consenso il P/E atteso per quest’anno è fissato a 10,93 volte.

Clicca qui per vedere la scheda prodotto

www.websim.it


 

Print Friendly, PDF & Email