GO INTERNET – Cresce l’appeal speculativo

GO INTERNET – Cresce l’appeal speculativo

Digitouch sugli scudi.
Eolo, il principale concorrente della società italiana attiva nella banda larga in mobilità, ha ceduto il 49% del proprio capitale al fondo di investimento Searchligth Capital Partners. Eolo ha chiuso l’anno fiscale con ricavi superiori a 100 milioni di euro, +33% su base annua.
Ricordiamo che pochi giorni fa la società ha reso noto che nel mese di novembre sono stati acquisiti 339 clienti all’interno del segmento 4G lte e 239 clienti nel 4G Wimax oltre a 53 clienti nel segmento Fiber to Home (banda ultralarga). Risultati ottenuti nelle sole regioni Emilia Romagna, Marche e nella città di Perugia (banda ultralarga)
Nel mese di Ottobre la società aveva registrato complessivamente nel segmento 4G wireless e nel Fiber To The Home 41.518 clienti al 31 ottobre 2017, +13% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Logo GO_small.png

La società ha riportato i seguenti risultati semestrali:
1) Ricavi di vendita +14% pari a 3,458 milioni di euro (3,042 milioni di euro al 30 giugno 2016).
2) EBITDA +5% pari a 1,547 milioni di euro (1,468 milioni euro al 30 giugno 2016).
3) Utile netto pari a -19 mila euro (96 mila euro al 30 giugno 2016).
4) Posizione finanziaria netta pari a 4,062 milioni di euro (2,355 milioni di euro al 31 dicembre 2016).
5) Clienti +16%, pari a 40.494 (34.975 al 30 giugno 2016).

Inoltre, nel primo semestre 2017 Go Internet è entrata in una nuova area di business a seguito dell’accordo commerciale con Open Fiber (gruppo Enel [NEI.MI]) e ha provveduto al lancio commerciale del servizio a banda ultra larga fino 1 Gbps in modalità Fiber to the Home (FTTH) nella città di Perugia con possibilità di estensione in tutti i comuni d’Italia previsti dal piano strategico di Open Fiber.

www.websim.it
Print Friendly, PDF & Email