CERTIFICATE – Cedole con capitale protetto. E se scatta il premio, esplode il rendimento

di Redazione Websim

Wall Street aggiorna nuovi record mentre in Europa prosegue l’ottimismo con la vittoria di Emmanuel Macron che si è aggiudicato la maggioranza assoluta dei seggi in Francia. In Germania, Angela Merkel, sembra ormai destinata ad essere rieletta. Si allentano anche le pressioni tedesche sulla politica espansiva di Mario Draghi.

L’inflazione non spinge più verso il 2%, soglia d’allarme prevista nei trattati della Bce e il prezzo del greggio si tradurrà in un ulteriore calo dei prezzi. La Bce ha rinviato le discussione di una riduzione del Qe alla riunione del 26 ottobre.
Anche dalla periferia arrivano buone notizie: si va verso una soluzione del debito greco.

Segnali incoraggianti dall’economia italiana. Istat, Fondo monetario e  Banca d’Italia hanno corretto al rialzo le sue previsioni sulla crescita del Pil nel 2017. Anche lo spread tra Btp a Bund si è riportato ai minimi da inizio anno.In questo scenario le migliori blue chip di Piazza Affari,  possono avere buoni spazi di rialzo.

Nasce da qui l’interesse per il certificate di Exane che ha come sottostanti le azioni di Intesa Sanpaolo [ISP.MI], Fiat Chrysler [FCHA.MI] ed Eni [ENI.MI]. Il prodotto è identificato dal codice Isin FREXA0006215 [FREXA0006215.TX ]

Il prodotto, chiamato “Crescendo Rendimento Memory Premium”, è interessante per la diversificazione che offre, l’alto grado di protezione del capitale investito e un rendimento condizionale cedolare per tre anni di assoluto interesse (7,44% all’anno, con possibilità di crescita).

Questo certificate è arrivato sul mercato il 2Analista.finanziario.png5 maggio 2017 e ha scadenza fra tre anni (25 maggio 2020). Collocato a 1.000 euro, oggi quota a 969,7 euro.
 
CEDOLE E PROTEZIONE
La caratteristica del Crescendo Rendimento Memory Premium è di pagare ogni mese una cedola di 6,2 euro, pari allo 0,62% del valore nominale. La cedola non è garantita, ma viene pagata a condizione che nel giorno stabilito per la rilevazione mensile le quotazioni di Borsa di tutti e tre i sottostanti siano sopra le rispettive barriere. Le barriere sono molto distanti dai prezzi attuali e tutte equidistanti dai prezzi attuali. Intesa Sanpaolo: per raggiungerla l’azione dovrebbe perdere il 39%. Per Fiat Chrysler la barriera è lontana il 42,7%, per Eni il 40%.
Le stesse barriere, così distanti, garantiscono la protezione del capitale in caso di discesa delle quotazioni: fino a ribassi del 39-42%, il rimborso del capitale sarà totale.L’EFFETTO MEMORIA.
Di notevole importanza per l’investitore è l’Effetto Memoria, che consente di ricevere le eventuali cedole non ottenute nei mesi precedenti: queste verranno pagate tutte insieme alla prima occasione in cui, a un data di rilevazione mensile, si verifica la condizione per il pagamento della cedola.
Volendo semplificare al massimo, basterà che l’11 maggio 2020, ultima data di rilevazione, le azioni di Intesa, Fiat Chrysler ed Eni siano sopra le rispettive barriere, per vedersi rimborsati i 1.000 euro del capitale impiegato e concludere l’investimento incassando tutte le cedole mensili del triennio, per un totale di 217 euro, con un rendimento cedolare annuo del 7,44%.
Questo rendimento è decisamente  superiore alla somma dei “dividend yield” da noi previsti nei prossimi tre anni per le tre azioni: quello di Unicredit dovrebbe crescere dall’1,8%  del 2017 al 4,8% del 2019, Fiat Chrysler navigherà fra zero e 3,8%, Eni  al 5,7%.

QUANDO SCATTA IL PREMIO.

Ma questa è l’ipotesi minima. Come dice il nome del prodotto, il certificate offre anche la possibilità di aumentare il rendimento con un Premium.
Il Premium viene riconosciuto all’investitore se si verificano le condizioni del rimborso anticipato, o qualora alla scadenza tutti i sottostanti siano superiori al Livello iniziale. A partire dal prossimo mese di novembre, se a una data di rilevazione tutti e tre i sottostanti saranno sopra i Livelli iniziali, scatterà il rimborso anticipato che prevede, ovviamente, il pagamento di tutte le cedole maturate fino a quel momento, e il ritiro del certificate a 1.070 euro, invece che a 1.000 euro.
Facendo l’ipotesi che già a novembre 2017 scatti il rimborso anticipato, l’investitore chiuderebbe l’operazione con un guadagno del 13,5% in sei mesi, guadagno dato dai 31 euro di cinque cedole maturate e dai 1.070 euro del rimborso con premio, su un investimento di 970 euro.

Se nei tre anni non dovesse mai scattare il rimborso anticipato, il Premio potrebbe entrare in gioco alla scadenza del certificate, a maggio 2020, quando si potranno avere tre possibilità:
1)  Se le quotazioni di Intesa, Fiat Chrysler ed Eni saranno superiori ai loro Livelli iniziali, il certificate verrà rimborsato con il premio di 70 euro a 1.070 euro. In questo caso l’investitore chiuderà l’operazione guadagnando 217 euro di cedole, 70 euro di Premio e 30 euro di plusvalenza (differenza fra il prezzo di acquisto di 970 euro e 1.000 euro del rimborso) per un rendimento annuo del 10,89%
2)  Se le quotazioni dei sottostanti non saranno tutte e tre sopra i Livelli iniziali, ma saranno tutte e tre sopra le barriere, l’investitore verrà rimborsato a 1.000 euro più 217 euro di tre anni di cedole (rendimento del 8,5% all’anno).
3)  Se anche uno solo dei sottostanti sarà sotto la barriera, l’investitore verrà rimborsato con capitale decurtato in proporzione alla performance del sottostante peggiore.
Ecco la situazione dei sottostanti:

INTESA [ISP.MI]il prezzo di Borsa attuale è 2,538 euro.
==> La barriera è a 1,544 euro, per toccarla l’azione dovrebbe scendere del 39%.
==> Il Livello iniziale è 2,807 euro, per raggiungerlo la quotazione deve salire del 10%.
Dall’ inizio dell’anno il titolo Intesa è salito  dell’8%. Fra gli analisti c’è un netto orientamento positivo con  19  raccomandazioni Buy e 12% di Hold e solo un Sell, la media dei target price è 2,93 euro.

FIAT CHRYSLER [FCHA.MI]: il prezzo di Borsa è 9,485 euro.
==> La barriera è a 5,426 euro, per toccarla l’azione dovrebbe scendere FCAlogo.pngdel 42,7%.
==> Il Livello iniziale è 9,866 euro il 4% sopra le attuali quotazioni.Dall’inizio dell’anno il titolo Fiat Chrysler  è salito del 9,6%. Gli analisti sono ottimisti 13 consigliano di acquistare il titolo, 9 di tenerlo in portafogli e 9 di venderlo. La media dei target price è 11,4 euro.
ENI [ENI.MI]: il prezzo di Borsa è 13,59 euro.
==> La barriera è a 8,23 euro, per toccarla l’azione dovrebbe scendere del 39%.
==> Il Livello iniziale è 14,93  euro, per raggiungerlo la quotazione deve salire del 9%.
Dal primo gennaio a oggi il titolo Eni registra una performance negativa del 12%. Fra gli analisti prevalgono i giudizi positivi con 21 Buy, 8 Hold e 5 Sell, con un prezzo obiettivo di 16,82 euro.

Vai alla scheda del prodotto

Guarda il videowww.websim.it
www.websimaction.it

Print Friendly, PDF & Email